Turisti fai da te 2/5

..Continua..

…molti “bizzola” per per via dell’usura hanno assunto la caratteristica forma anatomica (ossia a culo), ed in quelli si resiste anche di più. Bhe’ sembra che abbia descritto una piazza tipo S. Giovanni… in realta’ “piazza Croce” grande poco più della mia stanzetta.
Bhè, Croce il nome del paese… ma perchè, vi chiederete voi, giovani turisti no alpitour,… per fortuna che ci sono qua io…
Dunque le ipotesi a riguardo sono molte, ma la più gettonata anche da me quella della “forma del paese”. Un pò macabra come scelta, non trovate? Ma cosa ci possiam fare? E’ un pò la stessa situazione di quei bambini a cui viene dato un nome brutto… che ne so… la povera Genoveffa si ritrova grande con un nome del genere, ma cosa ci può fare? Boh! Nulla direi… noi giovani abbiam abbellito il nome in Crocelandia… che se non altro distoglie un po’ il pensiero.
Dicevamo della forma di sto benedetto paese, si, si, la piazza che vi siete appena mangiata con gli occhi rappresenta il centro… diciamo il punto di incontro degli assi della croce… mamma mia!
Ogni Croce che si rispetti ha i suoi quattro bei vertici… questi vertici sono le 4 zone in cui grosso modo potrei dividervi il paese.
Dunque, andiamo per ordine prendendo come riferimento la piazza…ah dimenticavo, da qualche tempo stata bandita la sosta nella piazza Croce, dunque massima attenzione o l’ineccepibile servizio di sicurezza provvederà a multarvi… occhio!
Prendendo a riferimento il piazzale, se seguite la strada della fontana, in direzione Est diciamo, arriverete al “Pulere”… un pò la zona residenziale della city, la zona comunque più densamente popolata… attrazioni particolari di questa zona sono la chicane di “Mariuzza”, una curva molto stretta con cambio rapido di direzione, in cui molti fanno vedere le loro doti di piloti navigati andando a “scurciuliari u ‘ntonicu” della casa di “Ninuzza”. Piu’ avanti (poco) potrete vedere un pollaio che si affaccia sulla strada con dall’altra parte un giardino sempreverde con tanto di gibbia. Trattasi di una strada senza uscita, dunque quando arrivate alla “Palazzina” potete tornare indietro o continuare il percorso a piedi ed andare verso la campagna: incontrerete dapprima il vecchio “parmento” (foto sopra) di “Ciccillo” (posto molto caratteristico e ancora funzionante) o inoltrarvi negli immensi giardini di “Sandalo”.
Ah, dimenticavo che il vostro cammino per le strade del “Pulere” potra’ essere allietato dal suono melodioso di una chitarra elettrica (dipende a che ora ci passate)… viste da altre parti cose del genere? Non credo.

Indietro Home Page Avanti
Site Meter